L’Ali, Associazione librai italiani, è nata nel 1946 ed è tra i soci fondatori di Confcommercio-Imprese per l'Italia
Rappresenta circa 350 associati diretti e 1.000 librerie iscritte attraverso le Confcommercio provinciali. Principale associazione della categoria, l’Ali promuove e tutela gli interessi delle librerie di tutta Italia. Il know how, il riconoscimento dell’opinione pubblica e la credibilità presso i suoi interlocutori rendono l’Ali un importante punto di riferimento per tutti i librai italiani.

Le attività dell’Ali si articolano lungo alcune linee guida fondamentali:

  • Rappresentanza
  • Servizi agli associati
  • Promozione libro e lettura
  • Formazione
  • Aggregazione
  • Internazionalizzazione
  • Presenza sul territorio
  • Comunicazione
  • Innovazione tecnologica


L’Ali rappresenta i librai e ne difende le istanze presso:

  • Istituzioni e Pubbliche Amministrazioni
  • Governo
  • Politica, economia e società civile
  • Editori, grossisti, distributori
  • Cultura, università, mondo della scuola
  • Opinione pubblica e media
  • Organizzazioni internazionali: EIBF, Unesco


Il funzionamento dell’Ali è affidato al lavoro di diversi organi sociali:

  • Presidente
  • Comitato di Presidenza
  • Consiglio Nazionale
  • Assemblea Nazionale
  • Collegio dei Revisori dei conti
  • Collegio dei Probiviri


Ogni quattro anni, nell'ambito dell'Assemblea Nazionale, i soci eleggono tra di loro i membri del nuovo Consiglio Nazionale. Insieme agli organi sociali, l’attività operativa dell’Ali è coadiuvata anche da gruppi di lavoro:

  • Scolastica
  • Universitaria 
  • Comunicazione e marketing
  • Nuove tecnologie
  • Formazione
  • Rapporti con fornitori e contrattualistica
  • Organizzazione e statuto
  • Rapporti col territorio
  • Eventi (50)

  • News (223)

  • Associarsi (2)

    Associati all'Ali. Tanti privilegi per gli associati. 

    il 2020 è stato un anno molto difficile per il Paese e per le nostre imprese, ma anche un anno nel quale siamo riusciti ad ottenere alcuni importanti risultati per la categoria: approvazione e entrata in vigore della legge sul libro, riconoscimento del libro bene essenziale, aumento della dotazione del tax credit di cui finalmente hanno potuto beneficiare una platea ampia e realmente rappresentativa di librerie e infine gli acquisti delle biblioteche nelle librerie del territorio.

    Questi risultati hanno solo in parte consentito alle nostre imprese di limitare i gravi danni conseguenti alle misure per il contrasto della crisi sanitaria e per questo il 2021, oltre a lavorare per la conferma delle misure ottenute nel 2020, dovrà essere, soprattutto nella prima parte, focalizzato nel cercare di far comprendere alle istituzioni che i problemi non sono risolti e che vi sono ancora difficoltà nel nostro settore che se non rimossi possono determinare esiti pesanti per l’occupazione e per la presenza delle librerie nel territorio.

    Sostieni la nostra associazione, perchè con la partecipazione della tua impresa all’Associazione assieme possiamo cercare di affrontare e risolvere i molti problemi che ha la nostra categoria.